• MILANO EVENTO HYPEROOM
  • HAPPY 2018

Eventi

Riflessioni sul Futuro

      

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° °       

campari-logo

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° 

 

Bayer

 

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° °  

Branca

 

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° °

momodesign 01

 

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° °

profumerieMazzolariLogo

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° °

banner c-room 334x238

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° 

ipcmethod 230x

 ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° 

Privacy invisable-man monepi

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° 

blakies 334x228

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° 

 

 

Media Partner

 

 

          logo Testata24orenews 300

 

 

KiraTVLOGO Lombardia SAT

 

       Logo-x-sfondi-chiari lattemiele 150x

       RADIO ATLANTA logo 2  DIMENSIONE RADIO logoRADIO 1 NEW YORK logo RADIO VALLE BELBO logo RADIO MILAN INTER  logo RADIOPAL  logo

Seleziona la lingua

DI CULTURA SI VIVE? Stefano Zecchi, Franco Marrocco, Domenico Piraina, Marcella Logli e Alessandra Filippi rispondono ai giovani

L’artistica cornice della Sala Napoleonica dell’Accademia di Belle Arti di Brera ha ospitato martedì 23 settembre 2014 “DI CULTURA SI VIVE?!”, quarto appuntamento di questa seconda edizione di “Riflessioni sul futuro – Scienza per una vita migliore”, organizzata da Milano 24orenews con la collaborazione ed il patrocinio del Comune di Milano ed il concreto supporto del Gruppo Bayer in Italia. Come sempre i veri protagonisti dell’incontro sono i giovani, in questo caso studenti del quinto anno del Liceo Gaetana Agnesi di Milano, che hanno dibattuto sul tema della Cultura con il parterre dei relatori, accendendo l’interesse del numeroso pubblico intervenuto. Ha moderato l’incontro la giovane liceale Francesca, conducendo abilmente il “filo” di domande che le altre sue compagne di liceo hanno posto ai relatori presenti a partire dalla prima: “Com’è possibile, in un Paese come il nostro, dubitare che di Cultura si possa vivere?”. Ecco una sintesi dell’incontro a cui hanno partecipato cinque prestigiosi relatori.

 

Alessandra Filippi - Domenico Piraina - Marcella Logli - Stefano Zecchi - Franco Marrocco

Alessandra Filippi - Presidente dell’Associazione Città Nascosta Milano - ha sottolineato che di cultura si può vivere, ma dobbiamo rendere “vivi” i nostri giacimenti culturali perché in quei luoghi si respira conoscenza e la conoscenza è libertà. Rispondendo ad altre studentesse, ha ribadito che la cultura è il cibo dell’anima e che il mondo delle arti va vissuto con passione sapendo sempre distinguere l’utile dall’inutile. A fronte di una domanda della giovane Marica, disabile affetta da paraplegia, sulla situazione di fruibilità dei percorsi culturali in Città, la Dott.ssa Filippi ha precisato i buoni risultati raggiunti a Milano, ha ricordato il lavoro fatto a Palazzo Reale e ha sottolineato la straordinaria attività dell’Istituto dei ciechi, un vero esempio per tutto il mondo.

 

Marcella Logli - Direttore Corporate Social Responsibility Telecom Italia - ha risposto ad alcune domande delle giovani studentesse del Liceo G. Agnesi relativamente all’apporto della tecnologia al sistema culturale italiano. Ha evidenziato ai giovani e al pubblico in sala come la tecnologia digitale abbia certamente fatto bene al mondo della cultura, ma ha sottolineato che essa ha bisogno dell’uomo, possibilmente di giovani entusiasti e con voglia di perfezionarsi, perché da sola la tecnologia non va da nessuna parte. La Dott.ssa Logli ha infine presentato un quadro chiaro e dettagliato della situazione dei beni culturali del nostro Paese, per concludere raccomandando ai giovani che “un posto di lavoro non si occupa, si crea”.

 

Domenico Piraina - Direttore di Palazzo Reale e dei Musei Scientifici di Milano - ha risposto a più domande sui rapporti fra i giovani e le possibilità di lavoro nel mondo dell’arte. Egli ha sottolineato che questa possibilità esiste certamente ed è già operativa. Ha ricordato come nel mondo delle mostre tutti ricordano il nome del curatore, ma dietro l’allestimento di una mostra si muovono decine di professioni differenti. Architetti, fotografi, trasportatori, assicuratori, designer, elettricisti, allestitori di luci e ambienti e tanti altri. Forse per giudicare il numero di occupati (molti giovani) basterebbe pensare alla quantità di mostre che si svolgono in Italia durante l’anno. Rispetto a quanto chiesto sui troppi tesori nascosti nei depositi museali, il Dott. Piraina ha sottolineato la necessità di una razionalizzazione dei depositi esistenti. I “tesori” in genere si espongono, non vivono nei depositi.

 

Franco Marrocco - Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brera - nel rispondere alle domande delle studentesse sull’impegno dell’Accademia per i giovani artisti, ha preso spunto dalla Sala Napoleonica che ospitava l’incontro, scusandosi per “il cantiere” in essere. Questo cantiere è però un simbolo perché ospiterà la scuola di restauro che vedrà l’impegno e la passione di molti giovani. Inoltre l’Accademia è il simbolo di come i giovani del mondo stanno insieme, Brera ospita infatti fra i suoi 4.000 allievi il 30% di stranieri provenienti da 43 Paesi. Alla domanda sulle sorti della tanto annunciata Grande Brera, il Prof. Marrocco non si è voluto sbilanciare. Brera è l’Accademia, è l’Osservatorio Astronomico è l’annesso Orto Botanico è un insieme di “grandezze” non separabili che devono essere sempre considerate nel loro insieme.

Stefano Zecchi - Ordinario di Estetica alla Università Statale di Milano - si è confrontato con le giovani liceali su questioni particolarmente avvincenti: “dove nasce la Cultura della Bellezza” e “che significato dare al concetto di Bellezza”. Il Prof. Zecchi ha affrontato entrambe le domande con piacevolezza e con la consueta capacità di convincimento, suscitando l’approvazione del pubblico presente. La cultura nasce per Zecchi in famiglia è in famiglia che si “impara” al di là della scuola, delle istituzioni, dei ministri. La cultura non è una professione, sarebbe davvero un mondo fatto male se ciò avvenisse. Dalle sue risposte sulla “Bellezza” ne riportiamo una per noi estremamente significativa: «Non è il mondo a salvare la bellezza, è la bellezza che salverà il mondo».

Una serata che, grazie agli interventi dei relatori presenti, ci ha fatto capire che “DI CULTURA SI VIVE” se impariamo ad impegnarci tutti perché sia possibile davvero.

Le Roy, a nome della redazione di Milano 24orenews, ringrazia i relatori per la grande disponibilità dimostrata e tutte le realtà che hanno collaborato a questo evento, in particolare Bayer, il Comune di Milano, l’Accademia di Belle Arti di Brera, le aziende che hanno sostenuto l’iniziativa – Campari, Menabrea, Synlab, Orticolario, Distillerie Russo, Air Ambulance – e i media partner LombardiaSat e ItalianStyleRadio.

 

Il ciclo di incontri “Riflessioni sul Futuro 2014” proseguirà come segue: martedì 21 ottobre si parlerà di nuove e vecchie frontiere della Comunicazione: COMUNICARE: IERI, OGGI, DOMANI”; martedì 25 novembre si parlerà di Stili di Vita, Salute e Benessere alla conferenza LA RICERCA: SAREMO PIÙ SANI E PIÙ BELLI?”; giovedì 11 dicembre un appuntamento dedicato all’avvenimento internazionale del prossimo anno "EXPO 2015: IL MONDO A TAVOLA", concluderà questa II edizione.

Chiunque fosse impossibilitato a partecipare potrà seguire gli interventi e scaricare gli abstracts sul site-blog dedicato all’iniziativa: www.milanoincontra.it, sul sito www.24orenews.it e sulla pagina facebook, twitter e pinterest di Riflessioni sul Futuro.

 

Cartella Stampa e foto su: www.milanoincontra.it/press/download

 

 

Eventi Di Cultura si vive?! - Accademia di Brera, Milano 23 settembre 2014  

 

INFORMAZIONI

Le Roy srl

Segreteria organizzativa

Le Roy srl – via Vitruvio 43, 20124 Milano

tel./fax 02 83660842/ 02 26140913 

mobile 377 4695715

e-mailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

 

BREVE PROFILO DEI RELATORI

 

ALESSANDRA FILIPPI - Presidente della Fondazione Città nascosta Milano

L’Associazione culturale, senza scopo di lucro, nata nel 2010 ha l’obiettivo di far riscoprire Milano e tutti i suoi tesori nascosti. Conta più di 2.000 associati. La sua mission è far aprire le porte di luoghi non visitabili al pubblico per vedere e ammirare le bellezze della Gran Milan. Ne è Presidente Manuela Alessandra Filippi, fondatrice e coordinatrice delle attività. Torinese, a Milano da diversi anni, Manuela Filippi ha trascorso la sua vita viaggiando, conoscendo, raccontando storie, quelle dell’Arte Italiana

 

MARCELLA LOGLI - Direttore Corporate Social Responsibility Telecom Italia

Milanese di nascita, laureata in Scienze dell’Informazione, da gennaio 2014 è Direttore Corporate Social Responsibility di Telecom Italia dove lavora dal 1996 e ha ricoperto diversi ruoli. Svolge inoltre il ruolo di Segretario Generale della Fondazione Telecom Italia. Da giugno 2013 è membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Archivio Storico Olivetti e da febbraio 2014 è consigliere nazionale di WWF Italia.

 

FRANCO MARROCCO - Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brera

Nato nel 1956 a Rocca d'Evandro (CE), Franco Marrocco compie i suoi studi presso il Liceo Artistico di Cassino e poi all'Accademia di Belle Arti di Frosinone. Pittore e artista poliedrico, le sue numerose mostre personali sono state apprezzate e premiate in tutto il mondo. È attualmente titolare di Cattedra di Pittura e direttore all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.

 

DOMENICO PIRAINA - Direttore di Palazzo Reale e Musei Scientifici di Milano

Calabrese di Platania in provincia di Catanzaro, giunge nel capoluogo meneghino nel lontano 1974. Da molti anni è responsabile del Polo mostre e Musei scientifici del Comune di Milano. Domenico Piraina può vantare nella sua carriera traguardi importanti, come l’aver portato in Italia per ben due volte, nel 2001 e nel 2012, le tele di Picasso.

 

STEFANO ZECCHI - Professore Ordinario di Estetica presso l’Università Statale di Milano

Nato nel 1945 a Venezia, si è laureato presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano. Dal 1984 è professore ordinario di Estetica presso l’Università degli Studi di Milano. Ha insegnato anche in diverse Università straniere di grande rilevanza. Oltre all’insegnamento ha ricoperto importanti incarichi amministrativi non solo a Milano: per citarne solo qualcuno, è stato Presidente dell’Accademia di Brera, rappresentante del Ministero della Pubblica Istruzione presso l’UNESCO per la tutele dei Beni immateriali e Assessore alla Cultura a Milano. Ha pubblicato più di 20 libri. Svolge da una trentina d’anni attività di editorialista nei quotidiani e nelle riviste settimanali e mensili.

 

 

RIFLESSIONI SUL FUTURO

Milanoincontra City Events

News di Milano