+39 0249366682 redazione@milanoincontra.it
sabato, 25 Maggio 2024
INNOVAZIONE E TECNOLOGIA

L’IA di Veesion contro il taccheggio. Ecco come funziona

Contro il taccheggio, Veesion in prima linea: la startup ha sviluppato un sistema per rrilevare furti in tempo reale.

L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando numerosi settori, inclusa la sicurezza informatica. La sua evoluzione è evidente nei campi applicativi come la medicina, dove l’IA analizza dati medici per diagnosi più accurate, e nell’industria, dove ottimizza la produzione e la manutenzione.

In special modo nella sicurezza informatica, l’IA offre vantaggi cruciali: è in grado di rilevare attività sospette o intrusioni in tempo reale, migliorando notevolmente la protezione dei dati aziendali e personali. Inoltre, l’IA può automatizzare la risposta alle minacce, riducendo il tempo di reazione e prevenendo danni maggiori.

In sintesi, l’intelligenza artificiale sta apportando notevoli vantaggi, rendendo più sicuri e efficienti una vasta gamma di settori, tra cui proprio il commercio. Ed è in questo ultimo settore in particolare che si inserisce Veesion.

VEESION, L’IA CONTRO IL FURTO

La domanda da cui partire è quanto costa al commercio italiano il taccheggio. La risposta è 3,4 miliardi di euro.

È in questo contesto che Veesion, la startup che utilizza l’intelligenza artificiale per rilevare i furti in tempo reale, si sta rapidamente espandendo a livello internazionale, in particolare in Italia.

Veesion rileva una media di 100.000 gesti sospetti al mese in più di 2000 negozi, di cui circa 150  in Italia e riduce le perdite di fatturato dal 30 al 70%

Nel 2020, secondo lo studio realizzato da Crime&Tech, le differenze inventariali hanno rappresentato in media l’1,8% del fatturato delle aziende del settore retail in Italia.

In termini economici, una cifra stimabile intorno ai 3,4 miliardi di euro.

Questo dato potrebbe rappresentare il quinto gruppo retail in Italia se lo si interpretasse come il fatturato di una azienda.

– Studio realizzato da Crime&Tech, spin-off company del centro Transcrime dell’Università Cattolica del Sacro Cuore- 2020

Il software, basato sull’apprendimento continuo, aiuta a migliorare le prestazioni delle guardie giurate e dei dipendenti con un preciso obiettivo: ridurre le differenze inventariali.

COME FUNZIONA VEESION?

Il software si collega al sistema di videosorveglianza già installato nel negozio. Quando il software rileva un furto, invia una notifica ai dispositivi abilitati (computer, tablet e telefoni cellulari). Una volta ricevuta la stessa, le guardie di sicurezza possono intervenire sulla base di prove evidenti.

La tecnologia di Veesion incorpora “l’apprendimento continuo”, il che significa che impara dalle situazioni che incontra e migliora costantemente le sue prestazioni in base ai dati che che riceve ed elabora.

La soluzione è anche in grado di rilevare gesti simultanei su diverse telecamere, consentendo, così, di ottimizzare le spese per la sicurezza.

La soluzione non identifica volto, altezza, età o colore. Vengono identificati solo i gesti sospetti. Questo permette alla startup di essere pienamente conforme alla legge RGPD.

Oggi, Veesion protegge più di 2000 punti vendita in oltre 20 paesi.

La soluzione si adatta a tutti i tipi di punti vendita tra cui supermercati, farmacie, cosmetici, abbigliamento, elettronica, bricolage.

Con questi dati alla mano, Veesion ha l’aspirazione di attrezzare almeno 600 negozi in Italia. 

×

Milano Incontra Business

×
Pubblicità